Quali sono i dati personali?

Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile  una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche.

 

Tra questi:

i dati anagrafici (nome e cognome) e i dati che permettono l’identificazione indiretta, come un numero di identificazione (il codice fiscale..)

 

• i dati  sensibili, cioè quelli che rivelano l’origine, i culti religiosi, filosofici, le opinioni politiche,ecc..

Il Regolamento ha incluso in essi anche i dati genetici e i dati biometrici;

• i dati giudiziari”, cioè quelli che possono rivelare l’esistenza di determinati provvedimenti giudiziari tipo i provvedimenti penali di condanna definitivi, la liberazione condizionale, il divieto od obbligo di soggiorno.

Il Regolamento ricomprende in essi i dati relativi alle condanne penali e ai reati.

 

Con l’evoluzione delle nuove tecnologie, altri dati personali rientrano nella categoria come quelli relativi alle comunicazioni elettroniche  e quelli di geolocalizzazione, fornendo informazioni  sugli spostamenti.

Figure e ruoli

Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l’indirizzo, il codice fiscale, ecc. di un utente, questa persona è l”interessato” , quindi “Interessato” è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali.

 

Chi  adotta le decisioni sulle modalità del trattamento  del Regolamento è il titolare che è la persona fisica, l’autorità pubblica, l’impresa.

 

Chi definisce invece la gestione dei compiti per conto del registro dei trattamenti è il Responsabile ovvero persona fisica al quale il titolare diffida gli ordini.

TRATTAMENTO DEI DATI

Per trattamento si intende  qualsiasi operazione  compiuta con o senza processi automatizzati e applicate a dati personali o insiemi di dati personali.

 

Ad esempio:

la raccolta, la registrazione, l’organizzazione, la strutturazione, la conservazione, l’adattamento o la modifica, l’estrazione, la consultazione, l’uso, la comunicazione mediante trasmissione, diffusione o qualsiasi altra forma di messa a disposizione, il raffronto o l’interconnessione, la limitazione, la cancellazione o la distruzione.